image1 image2 image3 image4 image5

Notizie flash

There are no translations available.

you are here: Home La Vallecamonica ITALIA NOSTRA ONLUS- SEZIONE DI VALLECAMONICA

Tripadvisor

 
  Grazie per la cortesia! Stefania




La Valle dei Segni


Feed del sito

Latest blog entries
All blog entries from https://magazine.joomla.org/

Feed1

ITALIA NOSTRA ONLUS- SEZIONE DI VALLECAMONICA PDF Drucken E-Mail
There are no translations available.



CHI È ITALIA NOSTRA

Consiglio Direttivo della Sezione di Valle Camonica di Italia Nostra

Baschè  Anna Maria - presidente -
Adriano Soster
Alessandro Ducoli
Brunella Rossi
Ciro Berdini  - vice presidente-
Guido Raffaglio
Lino Locatelli  - tesoriere -
Paola Zaino - referente  per  Edolo -
Umberto Sansoni

Da oltre quattro decenni le attività di volontariato culturale organizzate da Italia Nostra hanno contribuito a diffondere nel Paese la "cultura della conservazione" del paesaggio urbano e rurale, dei monumenti, del carattere ambientale delle città.

I "beni culturali", l'evoluzione naturale e storica, i centri storici, la pianificazione urbanistica e territoriale, i parchi nazionali, l'ambiente, la questione energetica, il modello di sviluppo del Paese, la viabilità e i trasporti, l'agricoltura, il mare, le coste, le isole, i musei, le biblioteche, gli archivi storici: questi sono alcuni dei capitoli più importanti dell'attività capillare di Italia Nostra, spesso sostenuta da una ricerca approfondita e documentata da una vasta pubblicistica che oggi costituisce patrimonio unico e insostituibile a disposizione del Paese.

Sin dagli anni Settanta Italia Nostra ha promosso la ricerca nei campi della didattica e della formazione per promuovere l'Educazione Ambientale e ha intessuto rapporti internazionali con la fondazione di "Europa Nostra" - federazione di 220 associazioni europee - e la partecipazione al BEE (Bureau Europeen de l'Environnement). Italia Nostra pubblica un mensile e opere di saggistica.

Trasformata in ONLUS, Italia Nostra vuole impegnarsi, con i soci, in attività di servizio, non solo stimolando la "memoria" e la tutela, ma promuovendo, anche attraverso i nuovi strumenti della comunicazione, la conoscenza e la fruizione dei beni culturali.




 

Add your comment

Your name:
Titel:
Comment: